Come fare domande in modo intelligente (Eric S. Raymond) – traduzione italiana

How to ask questions the smart way” (di seguito abbreviato con “Smart Questions“) è un testo di Eric Steven Raymond spesso indicato come “lettura consigliata” nei forum di supporto tecnico IT. Non avendo trovato in rete traduzioni in italiano del documento (se non datate o parziali), ho provveduto io stesso a realizzarla, a partire dalla revisione 3.10 (del 21/05/2014). Questo breve articolo serve ad introdurre il testo ed a raccogliere commenti e suggerimenti, sempre ben accetti, per il miglioramento della traduzione, disponibile alla pagina “Come fare domande in modo intelligente – traduzione italiana“.

Smart Questions” è un vademecum che nasce dalla vasta esperienza “sul campo” di Raymond nell’utilizzo di sistemi GNU/Linux, un ambito in cui egli stesso ha giocato un ruolo fondamentale sin dalla creazione stessa del progetto GNU e del kernel Linux. È suo infatti anche il saggio “La cattedrale e il bazaar“, considerato come il vero e proprio manifesto del movimento dell’Open Source e del tipico modello collaborativo di sviluppo del software (un bazaar, ovvero un luogo liberamente accessibile a chiunque).

A partire dalla prima stesura (intorno alla fine del 2001), il testo si è espanso ed arricchito per includere in sempre maggior dettaglio diversi casi e dinamiche di interazione tra utenti che chiedono e danno supporto hardware e software (preferibilmente – quasi esclusivamente – libero!). Ad una prima lettura Smart Questions potrebbe dare l’impressione di una semplice raccolta di esperienze e considerazioni di buon senso: rispetto reciproco, educazione, attenzione alla grammatica ed all’ortografia, precisione nella descrizione dei problemi e delle soluzioni sono tutti presupposti necessari per dare e ricevere aiuto in maniera efficace e, si spera, veloce.

C’è tuttavia un fil rouge che lega tutte le sezioni: l’orgoglio di essere hacker. Più volte Raymond sottolinea, al di là delle specifiche competenze, quale debba essere la propensione di un hacker: intelligenza, capacità di analisi, curiosità, desiderio costante di imparare e di condividere le proprie conoscenze. L’hacker è alla ricerca di sfide, nel poco tempo che generalmente ha a disposizione: ecco perché l’inesperienza è giustificata, ma non la pigrizia.

La soluzione di un problema diventa tanto più soddisfacente quanto più accresce la conoscenza personale e collettiva: curare le modalità di comunicazione tra le parti è dunque importante per creare un archivio facilmente consultabile per i futuri casi simili.

Buona lettura!

Annunci

Informazioni su Man from Mars

https://extendedreality.wordpress.com/

  1. Pingback: Visto nel Web – 217 | Ok, panico

  2. obo

    Me lo leggo più che volentieri 🙂

    Mi piace

  3. Ottimo! Vedrai che è un approccio utile anche fuori dal mondo informatico.

    Mi piace

  4. filipiide

    Domande tipo “chi sono?”, “da dove vengo?”

    Mi piace

  5. Qualunque domanda, purché fatta in modo intelligente! Certo estendere dall’IT alle grandi questioni filosofiche è un passaggio arduo… 😉

    Mi piace

  6. filipiide

    Beh in tal caso la risposta sarebbe 42 o no?

    Mi piace

  7. La risposta è sempre 42.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: