O’ turretiello (Una poesia napoletana)

Nu juorno 'nda fucàja d'o bruzzìllo
se attuppuliaje nu turretiéllo spìvulo e rignùso.
O' truoppo, che 'o verrava assaje arrechiàto,
se 'nzuliaje tarruso, 'ntrase 'ntrase 'o carriòne.
Putette s'addrunà nu poco o' strimmo
ca se truvaje, o' turretiéllo tempariuso,
abbarrunato cu o' franto 'e papuliòne,
muzzo, scuòveto e lentùso.
«Ne' tròbbolo! 'O 'mbruoso d'o micciuso t'o benniste?
E mò t'agghiette 'o draveto e t'appuose!»,
o' currudiaje o' truoppo, assaje 'nzepìto.
O' turrettièllo s'agneraje e se luppiaje,
iannaje o' truoppo e o' fastiàje:
«Truòppo, ca nun si' manco o frascio 'e na tunnèsa,
comm' è ca te arripigne 'nda vernecchia?
Tu fai 'o gàngaro e 'o creppone,
ma quando è l'ora, sfratisce p'a vullàra
e appienze 'o zandulillo 'nda galésa!».

Un’idea che mi girava in testa da giorni, a pezzi, faticosamente trattenuti per trovare il momento di scriverli e dar loro un non-senso. Un esperimento di scrittura leggera che mi ha divertito ma mi ha anche impegnato. Ho trovato infatti che scrivere inventando le parole, per di più in dialetto napoletano, è l’essenza della sfida “contro” la pagina bianca. L’unica regola è che le parole e le frasi da esse composte devono suonare come la lingua reale: è una continua ricerca della sillaba giusta che può aggiustare una parola, una ricerca quasi alla cieca, per tentativi e per intuito, uno sforzo per creare un tono ed una storia laddove non c’è una storia, o meglio c’è la storia che ciascuno immagina, seguendo le suggestioni di parole inesistenti. E probabilmente chi è a qualche chilometro di troppo da Napoli non ci capirà comunque un bel niente…

Pare che roba del genere si definisca poesia metasemantica (o forse solo metasemantica, senza altri ammennicoli). La sua teorizzazione, se non avete ancora letto la Wiki (pigroni!), è opera di Fosco Maraini che l’ha poi utilizzata per la sua celebre poesia “Il lonfo”. Un’interpretazione famosa oltre che spassosa è quella di Gigi Proietti, per esempio in questo video:

Ora non so, non vorrei mettermi in competizione con un mostro sacro come il sig. Luigi Proietti da Roma, ma sento che il degno finale dell’opera sarebbe proprio declamare i miei versi!

Annunci

Informazioni su Man from Mars

https://extendedreality.wordpress.com/

  1. filiipide

    Sol or mi è chiaro perché non capii un’angelica verga (son poetico eh?) nonostante il mio dialetto non si discosti molto da quello partenopeo.
    Stamm buon paisa’

    Mi piace

  2. Stamme bbuon’ pure tu, guagliò! 🙂

    Mi piace

Comments are disabled. Please comment and share on Twitter, G+, Facebook.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: