Matite e pixel – Speciale Estate 2012: Salvataggi

Questo post è dedicato a Silver7arrow, per la perizia e la dedizione mostrate nell’accurata analisi di alcuni disegni pubblicati nel precedente Matite e pixel – Speciale Estate 2012: Studi. Cara Silver (posso chiamarti confidenzialmente così?), a quando la tua partecipazione a C.S.I.?

Raccolgo qui tutti i disegni originariamente non destinati ad essere pubblicati: qualche schizzo poco ispirato, riuscito male o semplicemente incompleto. Ma poi…


#1 – L’autocritico elefante

Autocritica

Se vi siete presi la briga di leggere il commento di Silver7arrow riportato sopra, avrete notato che al suo occhio di lince non è sfuggito un elefante. No, dico, un elefante! Mica una roba piccina piccina tipo un colibrì o una ranocchietta! Comunque l’elefante era lì, che occhieggiava dietro la paperella di gomma. Il motivo è semplice e prevedibile: l’elefante era sull’altra faccia del foglio, in compagnia di altri disegnini. I fogli del blocchetto da disegno vanno sfruttati quanto più è possibile un po’ per “horror vacui”, un po’ per contrastare la “Sindrome del foglio bianco”, un po’ perché altrimenti gli alberi si arrabbiano.

Personalmente non vorrei mai farmi nemico un pioppo o un pino che poi sai quante pigne mi tira in testa ogni volta che mi vede: “Tu, maledetto sprecone dei miei parenti! Hai fatto due ghirigori su mio cugino e poi l’hai buttato via! Tiè! Beccati questa!” e giù pigne sul cranio… No, non è uno scenario auspicabile.

Tornando al regno animale, questo elusivo pachiderma mi aveva espresso la preferenza di essere tenuto fuori dal grande circo mediatico di Internette, non essendo in effetti riuscito granché. E, come si vede, lo ammette senza mezzi termini.

Volevo rispettare la sua decisione, ma poi è stato “sgamato” e non ho potuto fare a meno di pubblicarlo. Comunque, è bruttino forte.


#2 – La matematica del Dada-umpa

Dada-umpa

La TV estiva è strana: in attesa della nuova stagione televisiva di settembre, i palinsesti sono riempiti con repliche e programmi d’archivio, scavati fuori da qualche polveroso scantinato, tenendo in caldo tutta una nuova schiera di naufraghi, cuochi, fiction di sentimenti un tanto al chilo, mentecatti vari, gente enciclopedicamente ignorante ed ancora qualche mentecatto multiuso.

Gli schermi quindi si popolano delle glorie del passato, di cantanti che sapevano cantare, comici che facevano ridere, presentatori che sapevano presentare e ballerine che sapevano ballare. Non per essere nostalgico (io all’epoca ancora non avevo poggiato i miei paffuti piedini bambineschi su questa Terra) ma quella era una televisione che si poteva vedere, una televisione in cui c’erano Mina, Alighiero Noschese, Walter Chiari, Aldo Fabrizi o Paolo Panelli (cliccate che c’è da divertirsi…), tanto per fare qualche esempio notevole.

Ma sto, come al solito, divagando. In uno degli ennesimi spezzoni “vintage” vengono fuori le mitiche gemelle Kessler, che erano le “gnocche” dell’epoca, tutte lustrini e paillettes e stacco di coscia. Le teutoniche soubrettes sono, appunto, gemelle quindi basta disegnarne una e poi moltiplicare per 2. Peccato che questa assomigli più ad un boscaiolo che gioca a fare la drag queen che ad una ballerina di varietà.

Auf wiedersehen e Da-da-umpa a tutti.


#3 – Le origini della paperetta

Paperetta

In principio era la paperetta, lì dove si trovava. Poi ho fatto il titanico sforzo di andarla a prendere. Infatti questa paperetta qui è un po’ evanescente; ci si poteva lavorare su ma poi ho pensato che stava meglio di profilo.

Esiste!

Dite “ciao ciao” alla mia modella. Anzi, “Quack!”.


#4 – Conversazione

Un amico mi vede scribacchiare sul blocchetto, sbircia i disegni e mi fa: “Ma tu sai disegnare anche in stile manga?”. Partendo dal presupposto che non so disegnare con alcuno stile definito, gli rispondo: “Tu intendi personaggi con gli occhioni, la faccia con il mento appuntito…”. Perplesso, abbozzo questa altrettanto perplessa faccina. “Tipo una cosa così? Allora per fortuna no, anche perché i personaggi disegnati così mi fanno un poco poco ca*are…”.

Dettagli

La mano già c’era, sempre per quel discorso che le mani mi vengono uno schifo e allora mi ci devo esercitare.

Essendo mancino, contemplo e disegno sempre la mia mano destra. Ho provato a fare lo stesso con la sinistra ma pare che tenere ferma la mano con cui si dovrebbe contemporaneamente muovere la matita siano due azioni poco compatibili.

E i piedi di chi sono? (Risposta fin troppo facile…)


#5 – Rimasugli

Chiudiamo con quelli che posso tranquillamente definire i fondi di magazzino della mia produzione estiva.

Dipende dai punti di vista

Il primo di questi espone un punto di vista interessante, anzi ben quattro, e tutti altrettanto interessanti (sembra uno scioglilingua). Un affascinante parallelepipedo: cosa si può desiderare di meglio per trascorrere infiniti momenti di irrefrenabile ilarità? E qui ce ne sono addirittura quattro, o forse uno solo guardato di così, poi un po’ più cosà, e poi ancora più di là ed infine proprio da lì.

A questo punto uno potrebbe lecitamente chiedere: “Ma se avevi pensato che non valesse la pena far vedere ‘sto mucchietto di linee tirate più o meno a caso, magari per una volta dovevi ascoltare il tuo istinto o il tuo amico immaginario o il drago a pois che vive nella tua testa! Perché non l’hai fatto?”. Così su due piedi non saprei, un attimino che vado a chiedere al drago…

Pugnale

Questo qui invece non mi convinceva: essenzialmente è un po’ storto e si nota. Merita una menzione solo perché è stato ispirato dalla lettura di alcuni albi di Diabolik, cosa che non avevo mai avuto l’occasione di fare. Personalmente le storie non mi sono piaciute (semplicistiche e poco credibili, a tratti), ma i disegni sono gradevoli. Comunque Diabolik rimane un caposaldo ed un vanto del fumetto italiano che andava assolutamente onorato di una lettura.

Last but not least, ma comunque last perché non se ne poteva più, l’omino che tenta la fuga dal foglio. Pure lui, oltre ai pochissimi pazzi & coraggiosi che sono riusciti a leggere fin qui!

Fuga

L’impostazione era buona ma è rimasto incompiuto. Il tentativo di scappare dalla sua vita in toni di grigio è  stato vano.

Emmòbbasta davvero per “Matite e pixel – Speciale Estate 2012”. Siamo a settembre, è tempo di fare la vendemmia, e poi lo Speciale è bello quando dura poco.

¡Saludos!

Le altre “Matite e pixel

Informazioni su Man from Mars

https://extendedreality.wordpress.com/

  1. icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  2. L’omino che tenta di aprirsi un varco nel foglio è geniale!

    Mi piace

  3. Oh, quindi posso dire di aver salvato un elefante! Anche lui ha avuto i suoi 5 minuti di celebrità sul web ihih. Non era uscito malissimo, dai. Certo, la papera è tutta un’altra cosa. Quack!
    La tecnica degna di C.S.I Las Vegas è semplicemente quella di osservare lo schermo dall’alto (o meglio, con bassi angoli di incidenza). Non mi chiedere perché l’ho fatto 😛
    Finito lo speciale estate, attendiamo fiduciosi lo speciale inverno, tipo collezione di moda.

    Mi piace

    • La papera è decisamente meglio, non si discute. Il WWF ti sarà grato per aver protetto una specie a rischio estinzione come il mio elephantis bruttus bislunghirecchius.
      Riguardo agli “angoli di incidenza”, non oso nemmeno lontanamente pensare al perché una persona (normale o meno) debba fare una cosa del genere, quindi non chiederò.
      Vedremo questo inverno cosa porterà.

      Mi piace

  4. (Sì, lo so, sono in ritardissimo su tutto!) Ma solo a me la gemella Kessler sembra un indiano pellerossa? E giuro che sono sobria…

    Mi piace

Dimmi che ne pensi o fai "Ciao ciao!" con la manina // Share your thoughts or just say "Hello!"

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: