Non te(ch) support! vol. 2: Ti support sempre meno!

È passato un po’ tempo dal primo articolo (che è anche uno dei primi in assoluto di questo blog) in cui ho raccontato qualche disavventura a sfondo informatico. Ero certo che la prima puntata avrebbe avuto un seguito e quindi ho raccolto e messo da parte come una previdente formichina telematica nuovi disarmanti episodi che mi sono capitati. I protagonisti sono sempre gli stessi: io, qualcuno in cerca di aiuto e/o informazioni (più o meno assurde) ed in mezzo qualcosa con tasti e schermo.


Frammenti

I pc aziendali con cui ho a che fare meriterebbero da soli un articolo per le condizioni in cui versano già da nuovi! Ovviamente dopo anni di uso intenso e disattento la situazione generale è critica. Cercare di rimetterli in sesto è come pretendere di tenere insieme un aereo con il nastro adesivo facendogli fare le acrobazie tipo Frecce Tricolori in mezzo ad una tempesta. Non so se ho reso l’idea…

I pc di Collega Simpatico (CS) era uno di questi casi clinici: dopo aver scovato e rimosso oltre 20 (venti!) GB di archivi antivirus accumulati (non aggiornati, dunque antivirus fermo al 2008!) negli anni a causa “probabilmente di un funzionamento non corretto del sistema di aggiornamento” (parole del forum di assistenza Norton, “eggraziarca**o” aggiungo io), interpello il proprietario.

Io: Bene, caro CS, i documenti li abbiamo spostati ed ho liberato abbastanza spazio: quando hai fatto il defrag l’ultima volta? —Silenzio— CS, riformulo la domanda?

CS: No, sai com’è, il fatto è che tempo fa l’help desk mi ha disinstallato Defrag!

Ok, abbiamo i cugini scemi di Spongebob all’help desk, adesso è chiaro. Recuperato un programma alternativo per il defrag, mi si presenta la seguente visione apocalittica (per i meno pratici: rosso è male):

Hard disk in versione puzzle Clementoni 2.5 milioni di pezzi

Quando si dice “sentirsi a pezzi”…

Per la cronaca: più di 20 ore di “Quick defrag” ed altrettante per l’opera definitiva. Alla fine il disco ha avuto bisogno di un Gatorade.

Lo screenshot è per gentile concessione del diretto interessato.


Dinamiche di coppia

Amico: Ciao, ti ricordi il pc che hai rimesso in sesto per la mia fidanzata?

Io: Sì, certo, ha qualche problema? (Ovviamente sì, non penso che tu stia solo mettendo alla prova la mia memoria!)

Amico: Sì, non si collega ad Internet. Sai, le serve molto e lo usa praticamente solo per quello e quindi…

Io: …e quindi bisogna evitare ulteriori rotture, messaggio ricevuto! Da quanto tempo non funziona?

Amico: Mah, da circa TRE MESI…

Io: Tre mesi? E scusa se mi impiccio, ma finora come ha fatto, visto che le serviva così tanto?

Amico: Boh!? Che ne so io!

Io:😯 Mmh, non lo sai… Va bene, ci do un’occhiata. Me lo puoi portare?

Amico: Sì, certo, grazie mille!


Epilogo: il pc non l’ho più ricevuto. Io penso che abbia attaccato direttamente la fidanzata al cavo. In un senso o nell’altro😈


La sicurezza prima di tutto, e subito dopo la coerenza

Amico: Ah, ma mi hanno detto che bisogna mettere le password al wireless per evitare intrusioni, per la sicurezza! Aiuto! Soccorso! I pirati! I lestofanti! I manigoldi!

Io: Sì, saranno trent’anni che esistono le password, era anche ora che te ne accorgessi. Vabbè, rimediamo subito. Allora, che password mettiamo per il wireless?

Amico: Boh!? Mah, metti “password” che sennò poi non me la ricordo!


Mastro di Chiavi e Guardia di Porta

Per qualche strano motivo sono stato designato, a mia insaputa e soprattutto contro la mia volontà, come depositario unico di tutte le password di tutti i servizi di tutte le persone a cui faccio il favore di aprire un indirizzo mail, completare la registrazione ad un sito, impostare una qualunque protezione basata su paroline magiche.

Antefatto 1: un paio di anni fa (2009 o giù di lì) regalo un router ad un amico e ovviamente mi occupo di installarlo e proteggere il wi-fi con apposita password, decisa da lui. DUE ANNI FA, almeno.

Amico: Ehi, ciao, buon Natale [2011, N.d.A.]! Sai, ho regalato a {moglie} lo sgàrzfon Sminchiung SuperMarioGalaxy II, è bellissimo, c’ha il tàcc, il blutùzz, la fotocamera da ventordici megapicchesel e pure il uàirless!

Io: Ah ah, sì, carino…

Amico: A proposito, ti ricordi la mia password del wireless? Sennò non mi posso collegare…

Io: -_-‘ [Faccia da emoticon giapponese che significa approssimativamente: “E io mò che cazzarola ti dovrei rispondere?”]

Morale: gli ho spiegato, via telefono, come reimpostare la password del wireless. Alla fatidica domanda “Che password metto?” ho risposto “Quella che vuoi, basta che te la ricordi”. *click*

Antefatto 2: Sono riuscito, con non pochi sforzi a fare usare ai miei familiari Skype e -incredibile ma vero- Dropbox. Non l’avessi mai fatto.

Io: Ok, allora ‘sti file li metto su Dropbox che sono grandicelli, per posta è meglio non mandarli. Apri la pagina del tuo account.

Familiare: Ah, e mi chiede la password. Qual è? Non me la ricordo…

Io: Eccheccacchio ne so?! Vabbè, si recupera. Con che indirizzo mail ti sei registrata?

Familiare: Boh?! Non lo so. Con che indirizzo mail mi sono registrata?

Io: E lo chiedi a me? La registrazione l’hai fatta tu!

Familiare: Eh, sei tu quello che sa ‘ste cose!

I file sono stati spediti via mail, ça va sans dire.


Saluti a tutti ed arrivederci alla prossima eventuale, possibile, probabilmente inevitabile, puntata!

Le altre puntate del “Non te(ch) support!

Informazioni su Man from Mars

https://extendedreality.wordpress.com/

  1. Cippaciong

    Ahah! E’ bello vedere che non sono l’unico a passare queste tribolazioni di tanto in tanto!

    La prima immagine comunque è epica; io uso sempre Defraggler per la deframmentazione e di dischi messi male ne ho visti a iosa, ma mai mi è capitata una visione del genere, è surreale!
    A dirla tutta però non è tanto il tuo amico che mi lascia basito ma il fatto che un sistema operativo/ filesystem possa frammentare i file fino a questo punto!

    Lode a Ext4!

    Mi piace

    • Per carità, sempre e comunque lodi a tutta la famiglia ext[un-numero-qualunque]. Per quanto riguarda NTFS io direi che di suo non è proprio cattivo, però se lo lasci allo stato brado senza un minimo di manutenzione e con un disco così pieno per almeno 3 (dico TRE) anni, puoi aspettarti questo e altro!
      E comunque no, dopo 3 anni la mia /home mai riformattata non è messa così male!😀

      Mi piace

  2. ahahah grazie!! C’è gente che è messa peggio di me🙂 Lo sapevo già, ma è sempre piacevole notarlo🙂

    Mi piace

    • Come dire “mal comune, mezzo gaudio”? Io comunque ogni tanto mi defilo oppure faccio finta di non sapere niente di quello che mi si chiede… Però dipende strettamente da chi me lo chiede: per un amico mi posso anche sforzare, per uno che scopre che esisto solo quando ha un problema ne faccio volentieri a meno.

      Mi piace

  3. Rigel

    …ma CS chi è?
    Io ho un vago sospetto, ma vorrei un piccolo indizio😉

    Mi piace

  4. icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

    • Ralph Magpie

      S sta per simpatico o per “S”cemo? Se è chi dico io hai ragione🙂

      Mi piace

      • S sta per simpatico. Forse non a tutti, forse a modo suo, ma sicuramente non scemo. Però a ‘sto punto voglio sapere i sospetti tuoi e di Rigel. La mia mail la sapete, discutiamone in privato🙂

        Mi piace

        • Rigel

          ok..allora adesso apro io la discussione privata😉
          Cmq, ti dirò, che mi sorprende non aver trovato traccia di me e della mia pennina USB in questo post…ma questo significa che ancora mi tolleri!😀

          Mi piace

  5. Scugnizzo

    hahahahahah
    Concordo con gli altri frequentatori del blog sul fatto che fa piacere vederedi non esser soli.

    Mi piace

  6. Quella delle password dimenticate è un classico! A me capita sempre. Quando vado da chiunque, in ufficio o nella vita privata, che mi chiede aiuto perché non riesce ad accedere a qualche file o sito viene fuori che il problema è che non si ricorda la password e, puntualmente, mi chiede “ma secondo te che password ho messo?”. E io che ne so?!? Però, ad un certo punto, mi sono fatta furba e ho cominciato a suggerirle io le password a chi so già che poi le dimenticherà😉

    Mi piace

  7. Pingback: Non te(ch) support! vol. 4: Insupportabile! | Extended Reality

Dimmi che ne pensi o fai "Ciao ciao!" con la manina // Share your thoughts or just say "Hello!"

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: