Al pensiero che è stato e che mai sarà

È quello che ti sorprende mentre sei in giro, per strada, magari intento a fare mille altre cose.  È la geniale nota che vorresti aggiungere a qualcosa che hai già scritto, la sagace considerazione che vorresti condividere con il mondo, l’esempio semplice e calzante che renderebbe chiaro anche il concetto più contorto. O anche la battuta spiritosa, pungente, ironica che ti fa ridere e che, ne sei certo, farebbe ridere chiunque la ascoltasse. È tutto questo e potrebbe essere mille altre cose ancora.

Il lampo che ti attraversa la testa in un istante e fugge rapido come è venuto, provi a trattenerlo, a stargli dietro, ad accantonarlo per poterlo ritrovare in un momento migliore, più adatto, sereno e libero. Ma questo pensiero no, non si lascia fermare, nasce e vive nella gloria di un solo momento e ti concede quest’unica striminzita occasione per farsi guardare.

Grazie ad esso nascono queste righe, che ne sono l’esatto opposto: la consapevolezza persistente che qualcosa ci sfuggirà sempre, che con rammarico un’idea è persa.

Quel che rimane è l’intimo e personale conforto e la gratificazione di sapere che, comunque, siamo capaci di concepire un’idea che giudichiamo notevole.

Annunci

Informazioni su Man from Mars

https://extendedreality.wordpress.com/

  1. Rigel

    ….ed è proprio così!
    Questo è un pò il motivo per cui mi porto dietro, oramai da tanto tempo, quel famoso taccuino…ma il “lampo” si perde lo stesso, ahimè!

    Come stai FlaviE a Zia?
    Prima o poi appaio, in una mattinata qualsiasi…ne ho proprio bisogno! 😉

    Mi piace

  2. Se siamo capaci di concepire almeno un’idea notevole è segno che potremmo essere capaci di concepirne molte altre. E non è così poco come sembra 🙂

    Mi piace

  3. Il lampo ripassa sempre! Se non ripassa vuol dire che era una baggianata (per dirlo in termini meno volgari ihih). Concordo con Vale, se il tuo cervello è stato in grado una volta di concepire quel lampo, sicuramente saprà come ritornarci… è solo che a volte se la prende comoda o segue il percorso più tortuoso 🙂

    Mi piace

  4. Pingback: Come nasce un post? | Extended Reality

Dimmi che ne pensi o fai "Ciao ciao!" con la manina // Share your thoughts or just say "Hello!"

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: