Riattivare la scheda wireless sull’Asus 1215P con Ubuntu

CPR

1 – 2 – 3 – 4 – Arripigliati!

Con questo oggettino qui, precedentemente acquistato e recensito, ho riscontrato un piccolo “fastidio”: nel caso in cui il pc venga avviato con la scheda wireless spenta, la successiva accensione durante il funzionamento con l’apposito tastino non accende un fico secco. O meglio, accende il led ma non la scheda che quindi non si lancia alla ricerca delle reti wireless disponibili. Nell’uso normale (pc avviato con scheda accesa, cosa che succede la stragrande maggioranza delle volte) invece il tasto funziona a dovere e la scheda, una volta riattivata, in pochi secondi si riaggancia alla rete predefinita.

Per ovviare quindi a questo inconveniente non serve a nulla né riavviare (“Ha già provato a spegnerlo e riaccenderlo?” qui non funziona) né far ripartire i servizi di networking e tantomeno i moduli caricati (sudo modprobe -r quello-che-è): si può verificare nel BIOS che la periferica è spenta. In questi casi si utilizza il comando “rfkill” (qui la pagina “man”) che permette sia di visualizzare lo stato sia di attivare/disattivare le periferiche di comunicazione senza fili (ad esempio wireless e bluetooth).

Diagnosi

Vediamo in dettaglio la situazione: apriamo un terminale ed eseguiamo il comando

sudo rfkill list

che ci restituisce lo stato delle periferiche presenti. In questo caso è presente solo la scheda wlan, ma da questo output potremmo identificare eventuali altre periferiche da riattivare con lo stesso metodo.

Nella situazione descritta (pc avviato con scheda spenta), il comando restituisce:

user@computer:~$ sudo rfkill list
 [sudo] password for user:
 0: eeepc-wlan: Wireless LAN
 Soft blocked: yes
 Hard blocked: no
 1: phy0: Wireless LAN
 Soft blocked: yes
 Hard blocked: yes

Usando il tastino di accensione quello che si ottiene (si verifica eseguendo nuovamente sudo rfkill list) è solamente che gli stati di “eeepc-wlan” (Soft e Hard blocked) cambiano entrambi, lasciando comunque la scheda non funzionante, mentre “phy0” (che dovrebbe corrispondere allo switch fisico sul pc) sembra attivarsi, causando l’accensione del led.

user@computer:~$ sudo rfkill list
 [sudo] password for user:
 0: eeepc-wlan: Wireless LAN
 Soft blocked: no
 Hard blocked: yes
 1: phy0: Wireless LAN
 Soft blocked: no
 Hard blocked: no

Soluzione

A questo punto utilizziamo ancora rfkill per accendere la scheda, non più con l’opzione “list” ma con “unblock”. Il comando deve essere eseguito quando il led è spento, quindi immediatamente dopo l’avvio del pc. Quindi:

sudo rfkill unblock wlan

per accendere selettivamente le interfacce wlan senza alterare lo stato di eventuali altri dispositivi senza fili (tipicamente il bluetooth). In caso di assenza di altre periferiche wireless (come nel mio caso) si può dare un più generico “unblock all“. L’alternativa all’argomento “wlan” può essere invece “wifi” (eseguire rfkill –help per visualizzare le categorie di device disponibili).

Con la scheda correttamente accesa e sguinzagliata alla caccia delle reti disponibili, l’output del solito “sudo rfkill list” sarà:

user@computer:~$ sudo rfkill list
 [sudo] password for user:
 0: eeepc-wlan: Wireless LAN
 Soft blocked: no
 Hard blocked: no
 1: phy0: Wireless LAN
 Soft blocked: no
 Hard blocked: no

con tutti i valori impostati su “no”. Si può verificare anche che, spegnendo la scheda con l’apposito tastino, tutti i valori passano a “yes” e si può anche riattivare la scheda correttamente come se niente fosse successo, ottenendo il solito sguinzagliamento. Questo metodo, pur non avendolo sperimentato personalmente, può essere utilizzato su qualunque distribuzione in cui sia disponibile rfkill, indipendentemente dal DE utilizzato (Gnome, Unity, KDE, XFCE, etc…) e per qualunque scheda wlan.

È possibile semplificare l’operazione con un piccolo script ed un lanciatore (qui siamo sullo Gnome classico di Maverick, ricordate?) che, ovviamente, lo lanci. Cos’altro può fare un coso con un nome così?

Il contenuto dello script, abbastanza rozzo per ora ma funzionale, è questo (i messaggi di testo iniziali ci ricordano di controllare che il led sia spento):

#!/bin/bash
echo "Questo script riattiva la scheda wireless se"
echo "il computer è stato avviato a scheda spenta."
echo "Assicurati che il led del WL sia spento."
read -n 1 -r -p "Premi un tasto per continuare..."
sudo rfkill unblock wlan
sleep 1
exit

Su suggerimento del dr. Frederaick Frankenstin

Supponendo di salvare questo script (wlan-cpr.sh) in /home/user, e dopo averlo reso eseguibile (tasto destro – Proprietà – Permessi – Consentire l’esecuzione del file come programma oppure “sudo chmod +x /home/user/wlan-cpr.sh” in un terminale), possiamo creare il lanciatore che esegua

/home/user/wlan-cpr.sh

e riprendere allegramente a cazzegg…ehm… a navigare sul UordUaidUèb.

Informazioni su Man from Mars

https://extendedreality.wordpress.com/

  1. Di tutto quello che hai scritto ho capito solo il suggerimento di Frederaick. Sto seriamente cominciando a preoccuparmi… Per me o per te non lo so. Per qualcuno, insomma…

    Mi piace

    • Fa niente, a meno che tu non abbia il problema in questione. E poi ogni tanto dovrò pur scrivere qualcosa di semi-serio, no? E comunque “Si-può-fare!”
      Il fatto che esista qualcuno che non ha idea di cosa io abbia parlato mi fa pensare che c’è ancora qualcuno normale nel mondo reale.🙂

      Mi piace

      • Per poco ancora. Ormai Sheldon si sta impossessando di me definitivamente. Finirà che non capirò più neppure l’ironia!
        [modalità serietà on] E comunque è giusto che tu scriva anche cose serie e professionali, del resto doveva essere questo lo scopo del blog, fino a prova contraria [modalità serietà off] prima che tu incontrassi una banda si matti che tenta di portarti sulla strada della perdizione, naturalmente.

        Mi piace

  2. Chiara

    Sono le due del mattino e solo dopo aver letto il tuo articolo ho risolto da sola il mio problema!!! Stavo per lanciare il pc fuori dalla finestra. Neofita di Ubuntu, giuro che sarei andata lunedì stesso dal tecnico a farmi disinstallare tutto!!! e invece…che soddisfazione!!! Grazie mille per i suggerimenti!!!! Preziosissimo…

    Mi piace

  3. Chiara

    Ciao, scusa se ti disturbo ancora!! Non è che in passato hai spiegato come far funzionare la chiavetta Vodafone con Ubuntu? Dal 190 latitano. Con il mio vecchio pc Windows funzionava benissimo, ma questo Asus 1215P zero!!!!

    Mi piace

  4. Pingback: Giro di prova con Xubuntu 12.04 su Asus 1215P « Extended Reality

  5. Pingback: Sneak peek of Xubuntu 12.04 on Asus 1215P « Extended Reality

  6. Roberta

    Infinitamente grazie… proprio quello di cui avevo bisogno!
    Chiaro e semplice!!! Grazie!!!

    Mi piace

Dimmi che ne pensi o fai "Ciao ciao!" con la manina // Share your thoughts or just say "Hello!"

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: