Sconsigli per gli acquisti: Acer Aspire One D255E – Windows 7 Starter

Le mie rapaci manine geek hanno ghermito un altro piccolo animaletto elettronico appartenente alla specie dei “netbookus atomensis finestratus”: l’Acer Aspire One D255E con uno sfavillante Windows 7 Starter sul groppone. Come minacciato in un commento su Pollycoke, eccone l’indegna recensione.

Piccola premessa: ho avuto il computer (nuovo di pacca, solo inizializzato dall’utente) a disposizione per poco tempo e solo per manutenzione, aggiornamenti ed installazioni varie. Chiunque non scoppi in lacrime al suono di parole come “router”, “configurazione” o “service pack” ha probabilmente un amico/un’amica che richieda, atterrito/a, un simile favore. Io ce l’ho, ed è anche un caro amico: solo questo sincero sentimento ha avuto il potere di farmi portare a termine l’improbo compito. Questo ed un ottimo bicchiere di Marsala Florio “Targa” Semisecco Riserva Speciale Vendemmia 1999, che mi ha accompagnato nei momenti più bui. Ops! Non vorrei rovinare la sorpresa, per quanto anche il titolo non prometta niente di buono… 😉

Visto il poco tempo a disposizione, riporto solo qualche impressione d’uso piuttosto che un’analisi dettagliata della bestiolina. Cercherò inoltre di essere il più oggettivo possibile nella valutazione, lasciando da parte, per quanto possibile, le mie predilezioni per i pinguini che sono sparse qua e là in questo blog. Magari giusto un tantino… Risulta per me immediato il confronto con l’altro netbook, più o meno mio, già recinta… resciss… recidiv… questo qui, insomma! Altro pianeta. Punto.

Sono graditi i commenti in cui mi dite che mi sbaglio, che non ho capito nulla, che va tutto bene e gli asini volano felici. Venghino siore e siori, si va a cominciare!

L’ineluttabile unboxing

L’esemplare mi è stato affidato nella sua confezione originale, fin troppo grande per un peso piuma come questo. A parte la protezione del computer stesso, in soffice materiale antigraffio/urto, il resto è solo cartone. Un po’ troppo, magari per fare scena, rispetto alle effettive necessità. “Carte e cartuscelle” (citando Pino Daniele), manualetti, garanzia e nulla più. Ascoltando questa splendida canzone mi rendo conto che il testo (BELLO!) assume un significato diverso alla luce della mia esperienza. Ciò è vagamente inquietante. Qui su Grooveshark, per accompagnarvi nella lettura.

L’inevitabile hardware e l’inscindibile software

La piattaforma hardware (Atom N455, single core @1,66GHz / RAM 1 GB / Grafica Intel) non è ricchissima di risorse ma potrebbe tranquillamente soddisfare le esigenze “base” di navigazione, multimedialità e “small office”. Le dimensioni dello schermo non rendono sicuramente confortevole la lettura di testi alla lunga; la leggerezza del computer ne fa comunque un buon mini-ufficio mobile, da quanto ho potuto vedere in giro. Fin qui niente di particolarmente nuovo.

Capitolo 1: Pezzettini

Ad una prima occhiata l’oggetto mi dà subito l’impressione del “cheap“: la cornice intorno alla tastiera è di una semplice plastichina nera con finitura opaca ed il tasto di accensione (unico presente) sembra venirne fuori per puro caso. Risposta della tastiera nella norma; i piccoli tasti richiedono una discreta mira.

Tasto on/off e bordo chassis

Il coperchio ha qualche risvolto fashion in più, grazie alla plastica lucida glitterata. Dai, finché rimane chiuso è anche carino… Sul bordo inferiore dello chassis i quattro led (batteria, alimentazione, disco, wi-fi) ed il tastone del touchpad, che mi sono guardato bene dall’utilizzare per più di due minuti. Scomodità nella norma (no! non mi piacciono i touchpad).

Coperchio e bordo inferiore chassis

Questo simpatico cosetto appartiene probabilmente alla precedente generazione di netbook con la stessa denominazione. Sul sito Acer infatti il D255E pare avere acquisito Bluetooth e Atom dual core. L’accensione del wi-fi non ha un tasto proprio: il controllo è affidato alla combinazione di tasti con Fn + F3. Salutate, nell’angolo in alto a destra, la mia sempreverde 😉 chiavettina 4 GB: si chiama “Zainetto”, in linea con la sorellona da 16 GB, “Trolley”. Ah, la famiglia…

Tastiera e area touchpad

Lo schermo è effettivamente sottile come l’adesivo sulla destra pubblicizza: fa effetto ma ci vuole delicatezza nel muoverlo e la deformazione del coperchio dà a tratti qualche preoccupazione. Il resto della reclame parla di multitouch, “Signal Up” per migliorare la ricezione wireless e, appunto, wi-fi N. Lo schermo è luminoso e con una buona resa dei colori. Audio non valutato.

Direi che con la plastica abbiamo finito, anche perché i negozi brulicano di queste piccole forme di vita a base silicio: sempre meglio dare un’occhiata dal vivo prima di acquistare.

Prossima pagina: “Capitolo 2: Programmini

Informazioni su Man from Mars

https://extendedreality.wordpress.com/

  1. Ralph Magpie

    tsk, tsk tsk! Zio Bill può aversene a male delle tue osservazioni. Lo slide show va bene, ma dai il tempo di legg..

    Mi piace

    • Purtroppo non ci sono opzioni da impostare per gli slideshow. E’ vero, qualche volta servirebbero un paio di secondi in più ma c’è il tasto “stop”.
      Zio Bill, o piuttosto zio Steve Ballmer, ha sicuramente di meglio da fare che leggere i commenti ai software di casa sua.
      Che poi io quello squinternato non lo vorrei davvero come zio…

      Mi piace

  2. Ti sbagli, non hai capito nulla, va tutto bene e gli asini volano felici (cit.). Che ci vuole? Basta chiedere! E, comunque, anche io ho avuto un’esperienza simile con un netbook con su installato Windows 7 Starter e ti sono solidale 😉

    Mi piace

    • Siamo “l’accolita dei rancorosi”, per citare Vinicio Capossela.
      A proposito, è davvero ec-citante leggere quanto spesso tu citi le mie frasi nei tuoi commenti. Evidentemente sono d’effetto. Ti in-cito a continuare. Adesso vado che mi squilla il cito-fono! 😀

      Mi piace

  3. andrew75

    Intel Atom N570 dual core 1.66 Ghz, 1MB L2 cache 1GB DDR3.. il mio 255e ha queste caratteristiche e fammi un confronto con altri net simili.. cazzaro

    Mi piace

    • Mi fa piacere per te e per il tuo netbook. Io ho testato quello che avevo.

      Mi piace

      • sergio

        a parte un pokino la lentezza in apertura va bene…logico ke se vuoi qualkosa di piu’ devi sborsare soldini
        ma poi va bene e ke azzzz

        Mi piace

        • Questo netbook di per sè non è male; il problema secondo me è la decisione di appioppargli un S.O. non adatto alle sue risorse. È un po’ come pretendere che una vecchia 126 tiri una roulotte 😉 La sua lentezza generale si può risolvere anche senza metter mano al portafogli. Poi il concetto stesso di “lentezza” è soggettivo: per me il pc deve sempre rispondere prontamente. Aspettare 10 secondi l’apertura del browser o vedere il cursore che “zoppica” per me non è accettabile ed è un segno che qualcosa non funziona come dovrebbe.

          Mi piace

  4. Luca Rondine

    Ciao, condivido pienamente tutto quello che hai scritto…cosa potrei fare per rendere il computer meno lento? (E non dico più veloce..!)

    Mi piace

    • Sì, “meno lento” mi sembra l’espressione più adatta! 🙂 Premetto 2 cose: non ho più avuto modo di mettere le mani sul netbook e non uso Win7 se non su pc altrui quindi non posso scendere in dettagli. Comunque io comincerei a ripulirlo dei programmi inutili preinstallati, con un occhio particolare a quelli che si avviano automaticamente al boot. Puoi farlo manualmente o affidarti a programmi tipo “Pc Decrapifier” che pare funzionare molto bene. Anche CCleaner ti può aiutare a vedere quello che si avvia in automatico ed a disattivarlo. Alcuni servizi di sistema possono ugualmente essere disattivati senza problemi (dovresti cercare qualche guida specifica a riguardo). Con l’hardware a disposizione non ti aspettare miracoli: Win7, lo ribadisco, non mi sembra una scelta adatta a questo giocattolino.
      Una soluzione più “radicale” sarebbe installare una distribuzione Linux leggera. Ce ne sono tante che richiedono pochissime risorse. Puoi provarle in “live” (senza installarle) semplicemente creando una chiavetta USB con sopra la distribuzione tramite Unetbootin. Il supporto hardware è ottimo.
      Spero di esserti stato d’aiuto. In caso di dubbi, chiedi pure.

      Mi piace

  5. Pingback: 7 per 100 | Extended Reality

  6. Andrea

    Sei troppo critico su questo Net, io due anni che lo ho, purtroppo si è distrutto, in parte colpa mia, in parte colpa sua. Per il software io misi 7 crakkato e andò benino, un pò lento ma ci mi ultimate ed esagerai in effetti, poi arrivando 8 va da dio, peccato non supporti le applicazioni vista la bassa risoluzione, no problema ce la soluzione anche li, mo sono arrivato a 8.1 e va bene. purtroppo l’hardware mi ha deluso, la batteria pare fosse difettosa, alle volte andava oltre la scarica dichiarata e
    http://www.google.it

    Mi piace

    • Ti ringrazio del commento, al quale mi pare proprio che manchi un pezzo! In attesa del resto comincio a risponderti.
      All’inizio ho specificato che esisteva una versione con lo stesso nome ma hardware leggermente migliore (cpu dual core): non è che per caso tu hai quella? Rileggendo il post mi sono ricordato la fatica di far camminare questo povero net. Se sono stato critico è perché davvero se l’è meritato! 🙂 Continuo a pensare comunque che la colpa non sia solo dell’hardware ma anche dei software preinstallati e del sistema operativo all’epoca forse non ancora maturo.
      Oggi sto usando W7 (su una macchina “leggermente” più potente) e devo dire che va bene, con miglioramenti sensibili rispetto ad XP e rispetto ai primi tempi di W7 stesso (pre-Service Pack 1).
      Sicuramente se configurato a dovere questo pc può diventare (abbastanza) usabile: io non ho potuto farlo per mancanza di tempo e quindi mi sono calato nei panni di tutti quelli che lo hanno acquistato ritrovandosi un “chiodo” lento e straripante di inutile paccottiglia. Lo so, continuo ad essere drastico 🙂 ma le preinstallazioni forzate mi danno fastidio!

      Mi piace

  7. Pingback: Da Windows a Linux (quasi) senza ritorno | Extended Reality

  8. Pepina

    Ho installato su questa bestiolina Linux Mint 16 Cinnamon al posto di Windows e va una bellezza! 🙂

    Mi piace

    • E sei sorpresa? 😉 Io non volevo sbilanciarmi troppo ma, insomma!, bisogna togliere Windows da ‘sto coso e metterci su un Pinguino qualunque: è matematico che la “bestiolina” riprenda a fare il proprio lavoro!
      Grazie del commento!
      (Questo post, per quanto vecchio, continua a macinare visite a più non posso!!!)

      Mi piace

  9. Carlo

    Io pur essendo un brocco coi computer ho fatto una bella pulizia manuale di tutti i programmi inutili che intasavano la bestiolina, uso chrome invece che IE (che però pare sia impossibile da cancellare radicalmente) e il computer, almeno per gli utilizzi quotidiani, funziona benone. In più ho installato Windows 7 Background changer, così mi personalizzo anche il desktop. Nel complesso sono soddisfatto, visto che avevo speso 250 euro e non 700. Poi è chiaro, con 2 o 4 GB di ram invece che 1 sarebbe un’altra cosa…

    Mi piace

    • Ciao Carlo, grazie del commento.
      Hai fatto più che bene a ripulire il computer! Almeno così lo sfrutti per le tue necessità, piuttosto che starlo a guardare mentre arranca per star dietro a tutti i processi attivi.
      La tua è un’ulteriore esperienza che non fa che confermare quanto detto anche dagli altri nei precedenti commenti: scelta sbagliata del S.O. (+ inutili software a corredo) rispetto all’hardware.
      Personalmente (lo ripeto all’infinito) non mi sembra giusto che chi paga il costo di un pc preconfigurato debba poi darsi così tanta pena (chi sa o se la sente di farlo) per metterlo *veramente* a punto.

      Mi piace

  10. jo

    ciao poichè sono intenzionato a togliere sta lumaca di windows mi consigli che linux mettere????

    Mi piace

    • Ciao Jo, secondo me devi puntare su una distribuzione come Lubuntu (ambiente grafico LXDE) o Xubuntu (con XFCE). Mi sono trovato bene con entrambi sia come riconoscimento hardware che come prestazioni. Lubuntu l’ho installato di recente su un portatile vecchiotto, mi pare fosse un Celeron con 1 GB di RAM, e mi ha favorevolmente colpito.
      Un’altra possibilità potrebbe essere Puppy Linux, nata proprio per hardware poco prestante. Non ho mai provato approfonditamente questa distribuzione, ma i pareri generali sono buoni. Ci sono versioni basate su Debian/Ubuntu che ti facilitano per il supporto hardware.
      In generale, presumendo che tu non abbia esperienza su Linux, affidati a distribuzioni ben supportate. Io preferisco la famiglia Debian (da cui deriva anche Ubuntu) ma c’è tantissima scelta!
      Consigli personali: inizialmente fregatene dell’estetica, bada solo a verificare che tutto l’hardware funzioni ed a prendere confidenza con il sistema.
      Farai tanti guai, è normale 🙂
      In bocca al lupo e fammi sapere che combini.

      P.s.: Sono quattro anni che ho pubblicato questo post e ancora arriva in continuazione gente a leggerlo (e fortunatamente anche a commentare)!

      Mi piace

  11. jo

    Lubuntu!!!!lo ha trasformato letteralmente grazie per il suggerimento!!

    Mi piace

  12. Vero è una porcata……
    Ho provato ad installare Windows 7 home premium per togliere tutte le porcherie dell’originale starter ma da usb esterna non lo installa.
    Cosa devo fare per installare un nuovo sistema operativo?

    Mi piace

    • Ciao Marco,
      crea una chiavetta USB con la distribuzione Linux che più ti piace e fai partire il pc con la stessa chiavetta inserita. Le modalità possono differire leggermente a seconda della distribuzione che sceglierai, quindi ti spiego genericamente la procedura.
      Selezionando all’avvio il boot da USB (di solito premendo CANC si visualizza la finestrella di selezione) farai partire il sistema operativo sulla chiavetta. Provalo in “live” (senza installare nulla) e fatti un’idea 🙂
      Quando avrai deciso di installare, salva i tuoi file personali su un’unità esterna e poi riavvia nuovamente dalla USB: questa volta dovrai selezionare di eseguire l’installazione e non la sessione live.
      Nei commenti precedenti vedi che Ubuntu e Mint (nelle diverse varianti disponibili) hanno aiutato parecchio.
      Ti consiglierei adesso anche un SSD (sono passati anni dalla pubblicazione del post, i prezzi sono diventati abbordabili!), anche di prestazioni non eccelse per dare un’ulteriore smossa alla situazione.
      In rete trovi guide per tutte le fasi, ma chiedi pure se hai bisogno di ulteriori chiarimenti.
      Fammi sapere 🙂

      Mi piace

Dimmi che ne pensi o fai "Ciao ciao!" con la manina // Share your thoughts or just say "Hello!"

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: